Presentazione dell'Arena Sportiva del nuovo Palasport di Genova

Ieri sera ha avuto luogo non proprio un'inaugurazione ma una presentazione a stampa, istituzioni e stakeholder per mostrare indirettamente alla città quali passi avanti siano stati fatti all'interno del Palasport di Genova. Quattromila sedili di colore verde acceso - qualcuno azzarda un "color pesto" - una parete a led ma anche un sistema acustico di ultima generazione che corre lungo la circonferenza della struttura, un pavimento in cemento in modo da reggere il peso dei bilici necessari per i grandi eventi ma pronto a essere coperto in meno di quattro ore da parquet o altri materiali, sono le più evidenti novità. L'oculum, o canestro, la struttura di acciaio arancione che aggetta dal tetto semitrasparente, invece, è rimasta quella originale, come da indicazione della sovrintendenza. E' questo il colpo d'occhio che si offre a chi entra per la prima volta all'interno dell'arena sportiva del rinnovato Palasport.

Il sindaco Marco Bucci, dopo aver rassicurato sulle sue condizioni di salute con un energico "sto benissimo!", ha parlato del Palasport come di un "grosso passo avanti con una struttura che è un grande servizio per la città, una riconquista di qualcosa che avevamo da giovani e che poi abbiamo perso. Questo Palasport non è solo un luogo per lo sport, ma un hub multifunzionale che può adattarsi alle esigenze mutevoli della nostra comunità, sarà un ritrovo per tutto il nord Italia, ci saranno eventi sportivi e non sportivi di grandissimo interesse, anche di livello internazionale".

"Una grande opera simbolo dello sport come volano di sviluppo economico e di aggregazione sociale – dice il presidente ad interim di Regione Liguria Alessandro Piana –, di promozione di valori fondanti in una rete internazionale, attraverso le varie federazioni, e di sviluppo per le tante discipline che vedono protagonisti grandi campioni e tanti giovani. Potremo così arricchire il calendario delle nostre manifestazioni diventando un consolidato punto di riferimento e offrendo sempre di più a cittadini e turisti. Questo nuovo Palasport, Genova Capitale dello Sport per il 2024 e la Liguria Regione Europea dello Sport nel 2025 saranno i pilastri portanti di una ulteriore sfida per la nostra regione, che accorcerà ulteriormente le distanze tra i grandi campioni e il pubblico oltre a valorizzare tutte le associazioni e le tipologie di eventi. Il Palasport sarà sede di grandi eventi, dando risalto a tutte le categorie e allo spirito autentico dello sport".

"È una giornata storica per Genova: oggi presentiamo l’arena sportiva di un Palasport completamente rinnovato, con un’operazione che valorizza la funzione pubblica in un mix tra sport e grandi eventi, con una fortissima vocazione rivolta alla socialità e alle attività sportive, all’insegna dell’accessibilità, delle più avanzate tecnologie green e quindi della sostenibilità – sottolinea il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi –. In questi anni abbiamo visto crescere, tassello dopo tassello, e prendere forma la grande suggestione urbanistica dell’architetto Renzo Piano, che ringrazio per aver seguito minuziosamente ogni passaggio del nuovo Waterfront di Levante, con l’obiettivo di restituire uno spazio vivo alla città, all’insegna della socialità e del legame tra Genova e il suo mare, con l’attenzione rivolta alle future generazioni che qui troveranno spazi per lo sport e per il divertimento, ma anche dove dare forma ai propri progetti nella Fabbrica delle idee. Ringrazio le maestranze, gli architetti e tutto il team di Cds Holding spa e RPBW Renzo Piano Building Workshop per il lavoro di questi mesi e per quello dei prossimi per arrivare al completamento del Waterfront".

"È un tassello importante anche all'interno di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport – aggiunge l'assessore allo Sport e Turismo Alessandra Bianchi –. Abbiamo voluto restituire in questo anno così importante per Genova questo impianto che vivrà tanto anche di attività di base in connubio con grandi eventi nazionali e internazionali, sportivi e non, in una cornice straordinaria come il Waterfront di Levante, che beneficia anche della presenza del Jean Nouvel e della Casa della Vela e di tutto un contesto che amplifica ulteriormente il valore dello sport anche in chiave turistica".

"In Liguria mancano gli spazi, tante federazioni si lamentano che mancano gli spazi e le misure regolamentari per ospitare manifestazioni ad alti livelli - commenta l'assessore regionale allo Sport Simona Ferro -. Speriamo con questo Palasport di dare respiro a tutti, vogliamo dare ai nostri conterranei un bellissimo sfogo e portare all'interno di questo palazzetto tantissime manifestazioni".

"Multidisciplinarietà, ecosostenibilità, equilibrio gestionale, rispondenza alle vigenti normative ed alle nuove esigenze tecnico-sportive, fruibilità da parte della cittadinanza, sono alcuni degli aspetti che mi preme sottolineare sull’arena sportiva, elemento caratterizzante del Palasport e del Waterfront di Levante – sottolinea il presidente di Coni Liguria Antonio Micillo –. Parlare della rinascita, perché tale è, di questo impianto sportivo che è stato parte della storia della Città di Genova è per me motivo di emozione e orgoglio. Il Coni Liguria ha cercato di mettere a disposizione le sue competenze affinché si realizzasse un impianto che possa accogliere giornalmente lo “sport di base” sino a quello di vertice. Ora tocca al mondo sportivo genovese accogliere la sfida del massimo utilizzo dell’impianto, cosa che può avvenire in presenza di un gestore di alto livello professionale. Un ringraziamento alla amministrazione comunale che ha voluto fortemente il recupero dell’arena sportiva, allo studio Piano per l’appassionato ed appassionante intervento progettuale, e alla CDS che ha saputo intervenire e realizzare nel concreto l’impianto, rispondendo alle complesse esigenze che si presentano oggi nel costruire nuove strutture sportive".