Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
E" Alberto Martin il vincitore dell"AON OPEN CHALLENGER - Primo Memorial Giorgio Messina, settima edizione del challenger di Genova, appuntamento tradizionale nel calendario annuale dell"ATP e oggi tra le prime manifestazioni italiane a livello di montepremi (100 mila dollari) e di valore tecnico espresso dai partecipanti. Davanti ad una splendida cornice di pubblico (oltre 2.000 gli spettatori presenti sugli spalti dello stadio centrale "Beppe Croce”) lo spagnolo Martin ha fatto valere il proprio gioco su un giocatore di grande regolarità  e solidità  come Carlos Berlocq, al suo settimo incontro consecutivo nel torneo (tre turni di qualificazione pi๠quattro incontri nel tabellone principale) e apparso ritrovato sui campi di Valletta Cambiaso dopo un periodo di lontananza dai campi di gioco a causa di un infortunio. Ottimo il cammino di Berlocq (già  numero 66 del mondo nel 2007) nel torneo, capace di superare tre teste di serie (la numero 8 Lamine Ouahab, la numero 3 Evgeny Korolev e la numero 5 Steve Darcis) prima di arrendersi in finale al trentunenne di Barcellona Alberto Martin. Nel primo set della finale, dopo un inizio caratterizzato da molti break, è lo spagnolo Martin a realizzare l"allungo decisivo grazie ad una maggiore varietà  di gioco, fatto di accelerazioni da fondocampo e puntuali discese a rete. 6 - 3 il punteggio finale in favore di Martin, attualmente numero 93 della classifica ATP ma già  numero 34 del ranking mondiale nel 2001. Nel secondo set parte forte Martin che, grazie a un break al secondo game, si porta sul 3 a zero. Il match prosegue con entrambi i giocatori capaci di mantenere i propri turni di servizio, molte le occasioni non concretizzate da Carlos Berlocq (nel secondo set sono state sei le palle break non sfruttate dall"argentino). Un servizio vincente incoronava Martin della vittoria finale, al termine di una finale di grande livello tecnico che ha regalato al folto pubblico momenti di ottimo tennis. Prima di superare Berlocq nell"atto conclusivo del challenger, Martin aveva superato nell"ordine l"italiano Tomas Tenconi (2-6 6-2 6-2), il ceco Lukas Rosol (0-6 7-6 6-2), l"israeliano Harel Levy (6-3 6-3) e il tedesco Simon Greul (6-1 6-4), dimostrando tutte le qualità  che lo hanno portato a superare, in carriera, giocatori del calibro di Pete Sampras, Michael Chang, Carlos Moyae ancora Nikolay Davidenko, David Nalbandian, Juan Carlos Ferrero e Lleyton Hewitt. "Siamo particolarmente contenti del successo della manifestazione - ha affermato Mauro Iguera, Presidente del Comitato Organizzatore -. La grande partecipazione del pubblico per tutta la durata del torneo, è la dimostrazione della passione che ha questa città  per il tennis. "Siamo certi - ha proseguito Mauro Iguera - che, grazie alle conferme di AON e della famiglia Messina, avremo un"edizione 2010 con un livello tecnico ancora maggiore offrendo ai tantissimi appassionati un grande spettacolo tennistico”. Martin, testa di serie numero 4 del seeding, va ad arricchire con il proprio nome l"albo d"oro della manifestazione, quest"anno dedicata alla memoria di Giorgio Messina, portando a tre il numero dei giocatori spagnoli capaci di aggiudicarsi il challenger genovese quest"anno alla settima edizione consecutiva (in precedenza avevano ottenuto la vittoria Oscar Hernandez, vincitore dell"edizione 2003 e Gorka Fraile, trionfatore nel 2006). Da registrare nella finale del torneo di doppio disputatasi ieri, la vittoria della coppia azzurra formata da Alessandro Motti e Daniele Bracciali, vincitori sul duo israeliano composto da Amir Hadad e Harel Levy (6-4 6-2 il risultato finale in favore dei giocatori italiani). Con la vittoria di Alberto Martin va in archivio l"edizione con il livello tecnico pi๠alto mai registrato nella storia del torneo: ai nastri di partenza sono stati ben 5 i top 100 mondiali, tre dei quali hanno raggiunto le semifinali, lo spagnolo Albert Montanes, testa di serie numero uno del challenger genovese, è stato il giocatore con la classifica migliore ad aver mai partecipato al torneo (numero 48 del ranking) e sui campi di Valletta Cambiaso gli appassionati di tennis hanno potuto ammirare giocatori dal grande talento come il russo Evgeny Korolev e il bulgaro Grigor Dimitrov. Da segnalare infine che, prima della finale, sul campo centrale si è tenuta la premiazione del Nike Junior Tour, torneo disputatosi questa settimana sui campi del Park Tennis Club. Tra i vincitori numerosi i giocatori genovesi e liguri.

GALLERIA FOTOGRAFICA