Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Pronostico ampiamente rispettato all"11° rievocazione storica della Pontedecimo-Giovi, gara di regolarità  ospitata sabato 12 e domenica 13 settembre sulle strade della provincia genovese. Ha vinto il piemontese Gianmaria Aghem al volante della sua BMW 328 del 1938. La manifestazione, organizzata dal Veteran Car Club Ligure con la collaborazione del Comune di Mignanego, dell"Aci Genova, della Marina Aeroporto ed il patrocinio della Regione Liguria ha visto la partecipazione di una sessantina di equipaggi. Si è iniziato sabato con le auto storiche impegnate in alcune prove di precisione su un percorso allestito all"interno della spettacolare Marina Aeroporto mentre domenica le old cars hanno affrontato, come da sempre, altre prove di precisione sulla mitica salita che da Pontedecimo porta fino al Passo dei Giovi e teatro negli anni passati di importanti sfide a due e quattro ruote. In testa fin dai primi rilevamenti Aghem ha dato il meglio di sà© domenica sulle prove che portano al Passo dei Giovi Aghem, distaccando nettamente tutti gli avversari. Vanno pure rimarcate perಠle prestazioni di Vanagolli - Vanagolli su Triumph TR3 e Chiesa- Chiesa su Lancia Aurelia B20 rispettivamente secondi e terzi sul traguardo. Al quarto posto ha concluso Arturo Bottaro (Porsche 356 A) che dopo aver battagliato sabato sul filo dei centesimi di secondo con Aghem, ha commesso un paio di errori sulle ultime due prove di domenica che gli hanno negato la gioia del podio. Ospite d"onore è stato quest"anno Sandro Munari, l"indiscusso campione rally vincitore della Pontedecimo -Giovi nel lontano 1966. Tra i vari partecipanti va segnalata pura la presenza di Odoardo Govoni su Maserati 2000 Birdcage vincitore nel lontano 1960.

GALLERIA FOTOGRAFICA