Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il CONI Liguria ospita i vertici di Comune di Genova e Regione Liguria per la presentazione dello studio di fattibilità del Palasport della Fiera di Genova.

 

Il giorno 18 Dicembre 2015,  presso la Casa delle Federazioni  del CONI alla presenza del Sindaco di Genova, Marco Doria, del Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, del Vice Sindaco del Comune di Genova, Stefano Bernini, dell’Assessore allo Sport del Comune di Genova, Pino Boero, e dell’Assessore allo Sport della Regione Liguria, Ilaria Cavo e del Consigliere di Amministrazione di SPIM, Enrico Ivaldi, del Direttore Gestione Patrimonio e Consulenza Impianti Sportivi della CONI Servizi, Francesco Romussi, dell’Amministratore Unico Uniengineering, Carlo Cocchi,  dell’Amministratore Colliers Italia, Eric Daguin e del Presidente del CONI Liguria, Vittorio Ottonello, la CONI Servizi ha presentato uno studio di fattibilità per la realizzazione della Casa dello Sport attraverso la ristrutturazione del Palasport della Fiera di Genova.

Lo studio si prefigura come obiettivo principale la realizzazione di spazi sportivi polifunzionali che prevedano la possibilità di praticare contemporaneamente 13 discipline sportive con una presenza giornaliera ipotizzabile di 1000-1200 praticanti, nonché la possibilità di ospitare eventi sportivi e culturali di livello nazionale ed internazionale.

La struttura potrà ospitare le sedi del CONI e di molte Federazioni Sportive oltre a  sale congressi e servizi compresa la realizzazione di un parcheggio di oltre 500 posti auto.

Il progetto è compatibile con il disegno del Blue Print e con i vigenti strumenti urbanistici. E’ accompagnato da uno studio di fattibilità finanziario che ne prevede la sostenibilità economico finanziaria senza apporto di capitali pubblici.

Comune e Regione hanno manifestato apprezzamento per la proposta ed interesse a verificarne la realizzabilità. Concordano, quindi, sulla necessità di proseguire il confronto e di individuare percorsi amministrativo urbanistici che coinvolgano Comune, Regione, Autorità portuale, CONI in qualità di soggetti interessati alla riorganizzazione dell’area.

Foto